Y-40®: grandissimo PADI® Dive Day Tropicalia!

Si è appena concluso il PADI® Dive Day presso Y-40®, quest’anno il tema era TROPICALIA! La piscina più profonda del mondo si è trasformata in un “villaggio tropicale” durante l’ultimo weekend di Novembre, assolutamente in linea con la temperatura dell’acqua termale nella quale ci si immerge tutto l’anno. Per PADI EMEA erano presenti Massimo Zarafa (Regional Manager & Examiner) e Marco Giovannini (Consultant Quality Management & Examiner).

Un boom di presenze, in due giorni più di 650 persone che hanno trovato sott’acqua un vero tropical village e gli stand delle aziende per testare le attrezzature, il tutto in un continuo spettacolo di luci e suoni. Ad aprire “ufficialmente le danze” Sabato mattina i freedivers guidati dal nostro campionissimo Homar Leuci!

Tutti i partecipanti, oltre ad immergersi, hanno ricevuto in regalo un paio di occhiali da sole PADI® ed hanno potuto provare gratuitamente i nuovi prodotti Aqua Lung® e Divesystem®, hanno avuto la possibilità di “sfrecciare” sott’acqua con i veicoli più veloci del mondo SeaBob® e di cimentarsi in foto/video con le action cam GoPro®.

   

E dopo l’immersione…? Test, analisi e visite ORL gratuite effettuate dall’esperto staff del DAN® a tutti coloro che ne avevano fatto richiesta.

Non potevano mancare i momenti di festa “post” immersione: Sabato pomeriggio aperitivo offerto da PADI® e Domenica premiazione dei due Centri che si sono contraddistinti per aver portato i gruppi di subacquei più numerosi all’evento. Tantissime congratulazioni ai due vincitori:

1° PREMIO (gruppo più numeroso): il Centro PADI® DIVER SEA che si è aggiudicato una bellissima action cam GoPro® Session gentilmente offerta da GoPro®! Salvatore D’Alessandro, titolare del Centro, nel ringraziare tutti i partecipanti ha anche ricordato come Diver Sea sia impegnata nel nuovo programma PADI Adaptive Techniques i cui corsi (che inizieranno nel 2018) hanno lo scopo di andare incontro alle esigenze dei sub diversamente abili.

2° PREMIO (secondo gruppo più numeroso): il Centro PADI® SOMMOZZATORI BRESCIANI LEONESSA, rappresentato da Astore Santoro, che si è aggiudicato un voucher del valore di 300 Dollari per la barca extra lusso di 44 metri SOLEIL 2 gentilmente offerto da Blue “K” Safari Italia®, utilizzabile durante una crociera sub alle Maldive dal 14/04/2018 al 13/04/2019!

Un PREMIO SPECIALE è stato offerto alla famiglia Boaretto dal Centro Subacqueo Torre Del Greco, capitanato da Franco Palomba, per ringraziare Y-40 per la professionalità e la calorosa accoglienza: un bellissimo cammeo con l’incisione Y-40!

A nome di PADI® EMEA vogliamo ringraziare tutti i partecipanti che hanno reso unico questo evento! Un grandissimo grazie anche al management ed allo staff di Y-40® ed ai partners che hanno supportato attivamente Tropicalia: DAN®, Aqua Lung®, Divesystem®, SeaBob®, GoPro®, Blue “K” Safari Italia®.

Non ci resta che dire…. arrivederci al prossimo PADI® Dive Day di Novembre 2018 presso Y-40®!

BOOT 2018

Ancora una volta, PADI parteciperà al Boot, che si terrà presso il Messe Düsseldorf GmbH, Messeplatz Hall 3, dal 20 al 28 gennaio.

Visitate lo stand PADI e il PADI Village (3/F32), dove il Team e i nostri partner saranno a disposizione per rispondere a tutte le vostre domande e mostrarvi i nostri ultimi prodotti e caratteristiche. Ci sono altre fantastiche notizie in arrivo: continuate a controllare questa pagina in quanto verrà aggiornata regolarmente.

Scoprite cosa c’è in programma:

Nel corso dello Show, organizzeremo alcuni interessantissimi seminari e workshop, cui vorremmo che partecipaste anche voi.

 Evento PADI Freediving:

Quest’anno siamo felici di annunciare un Evento PADI Freediving. Non perdete questa grande opportunità di imparare di più riguardo il Freediving e di provare una delle nostre sessioni di apnea statica presso il Main Stage. Trattenete il respiro e venite con i vostri amici per divertirvi con noi al Freediving Day!

Member Forum:

Se pensate di partecipare al Member Forum, non dimenticate di registrarvi (una volta aperte le registrazioni). I posti sono limitati e saranno assegnati in ordine di prenotazione.

Data Ora Seminario Luogo
20.01.18 10.00 – 14.00 EFR Instructor Trainer Course (tedesco) Room 4BC
20.01.18 14.30 – 18.00 EFR Instructor Trainer Course (inglese) Room 4BC
20.01.18 18.00 – 19.00 Festa allo Stand Stand PADI
21.01.18 10.00 – 14.00 Risk Management Course Room 4BC
23.01.18 10.30 – 18.00 Evento PADI Freediving Vicino al Main Stage
23.01.18 10.30 – 10.40 Evento PADI Freediving – Introduzione Main Stage
23.01.18 11.30 – 11.40 Evento PADI Freediving Main Stage
23.01.18 12.30 – 12.40 Evento PADI Freediving Main Stage
23.01.18 13.30 – 13.40 Evento PADI Freediving Main Stage
23.01.18 14.30 – 14.40 Evento PADI Freediving Main Stage
23.01.18 16.00 – 16.10 Evento PADI Freediving Main Stage
27.01.18 16.30 – 17.00 PADI Dive Center Awards Main Stage
27.01.18 19.00 – 21.00 Member Forum e Social Room 02

Restate sintonizzati per ulteriori informazioni sulla nostra favolosa NUOVA promozione per i corsi PADI per le Fiere 2018.

Vi aspettiamo numerosi!

Il Vostro Team PADI EMEA

Il nuovo e aggiornato 2018 PADI Show Support Pack

Quest’anno abbiamo migliorato il vostro Show Support Pack per includere di PIÙ, in modo da aiutare ulteriormente i PADI Dive Center ad acquisire nuovi clienti. Sfruttate la forza del marchio PADI, con un livello di supporto migliore di sempre.

Il 2018 Show Support Pack contiene:

  • Una PADI Beach Flag alta 3 metri (asta e base) con NUOVO design
  • Braccialetti in silicone PADI
  • Bandierine triangolari PADI
  • 25 adesivi PADI – piccoli
  • 1 adesivo PADI – grande
  • Brochure corsi PADI

Gli Show Support Pack sono un beneficio riservato ai 100% PADI Dive Center. Vi invitiamo a compilare il modulo per il 2018 Show Support Pack, inviarlo a Serena Scatteia e, una volta approvato, il merchandise è vostro!*

Il vostro pacchetto vi sarà inviato insieme al vostro prossimo ordine di acquisto, o lo potrete ritirare allo stand PADI, se parteciperemo allo stesso evento.

*Disponibile fino ad esaurimento scorte

Parco archeologico di Baia, compaiono due nuovi mosaici.

Archeo Camp 2017 un evento eccezionale con oltre 500 tuffi in una intera settimana dedicata a immersioni, durante le quali un gruppo di istruttori PADI hanno conseguito la Specialità “PADI Underwater Archealogical Diver” a cura di Bruno Mollo – PADI Course Director.

L’evento organizzato dal Centro Sub Campi Flegrei ha visto la partecipazione di DAN Europe con seminari ed eventi dedicati al campo della sicurezza in immersione.

NOTIZIA STRAORDINARIA !!!

Il Mare del golfo di Pozzuoli restituisce due nuovi mosaici. Entrambi nelle acque del Parco Archeologico Sommerso di Baia, si tratta di due mosaici di cui uno, bicromo in bianco e nero, rappresenta due guerrieri ed è riconducibile all’epoca della Villa a Protiro, databile intorno al IV secolo dopo Cristo; sull’altro, un mosaico policromo, ancora si indaga per una datazione sommaria, ma si sospettano collegamenti cronologici con la Villa dei Pisoni, che risale al I secolo avanti Cristo.

La straordinaria scoperta è stata effettuata dal nucleo subacqueo della Soprintendenza coordinato da Luciano Muratgia, ed è stata ufficializzata dalla direttrice del Parco Archeologico dei Campi Flegrei, la soprintendente Adele Campanelli, durante la tavola rotonda “Archeo Camp 2017”, il 3 Novembre 2017, nell’ambito della settimana dedicata all’archeologia subacquea nei Campi flegrei, organizzata dal Centro Sub Campi Flegrei con la collaborazione di PADI EMEA e DAN Europe.

Nel corso dell’evento, i sindaci di Pozzuoli, Vincenzo Figliolia, e di Bacoli, Giovanni Picone, hanno sottolineato – insieme con Federalberghi – le potenzialità turistiche del distretto flegreo: la realtà aumentata (che, con l’ISCR, si tradurrà nell’utilizzo di tablet subacquei e proiezioni 3D) potrebbe dare un ulteriore impulso al sito.

E del resto qui, dalla fine dell’età repubblicana, venivano in vacanza gli aristocratici romani: le loro ville e i loro ninfei, complice il bradisismo dell’intera area, sono oggi sommersi e tutelati da un Parco archeologico, istituito nel 2002. Per il salto nel tempo sott’acqua vengono da Giappone e Cina, Vietnam e Stati Uniti, con una crescita annua di presenze che, secondo i dati della Soprintendenza, si attesta tra i 20 e il 30%.

Ora, ci saranno due nuovi mosaici da scoprire, a loro volta tasselli della storia, straordinaria, di quest’angolo della Campania.

I nuovi mosaici saranno fruibili al pubblico da Aprile 2018 dopo al lavoro di messa in sicurezza da parte della Soprintendenza e dall’ISCR.

Noi vi diamo appuntamento a novembre del prossimo anno con Archeo Camp 2018 settimana dedicata all’Archeologia Subacquea.

Le foto esclusive sono del Photoreporter Pasquale Vassallo (che restituiscono intatti i colori originali dei mosaici) .

Durante l’evento consegnato a Carlo Ripa il primo premio “Baia di Ulisse” 2017.

Vincenzo Maione

Manager del Centro Sub Campi Flegrei, diving center che da 25 anni opera nel settore del turismo subacqueo. Diving autorizzato dalla Soprintendenza per accompagnare turisti in immersione e snorkeling nel Parco Archeologico Sommerso di Baia.

 

Per visitare il Parco Archeologico Sommerso di Baia ed i nuovi mosaici, si può contattare: info@centrosubcampiflegrei.it  www.centrosubcampiflegrei.it

 

I love scuba – I love myself di Valentina Visconti Presidente di Diabete Sommerso Onlus.

Lo scorso 16 Ottobre nella qualità di Regional Manager di PADI EMEA ho partecipato ad uno degli eventi più emozionanti della mia carriera la Settimana Blu organizzata dall’Associazione Diabete Sommerso Onluis – Centro PADI nella meravigliosa Isola di Ustica in partnership con Blue Diving Ustica – Centro PADI.

 

Ho avuto l’onore di incontrare questo affiatatissimo gruppo di divers, tutti legati da una grande passione: l’amore per il mare e per le immersioni, anche se con la difficoltà della loro malattia: il diabete.

CLIP

Abbiamo presentato a questo gruppo PADI e Project Aware e soprattuto i 4 pilastri del cambiamento di PADI uno dei quali: “Health and Welness” in piena sintonia con le loro attività:

Pilastro della Salute e del Benessere: puntare i riflettori su storie incredibili di trionfo sulle avversità, sulle malattie e sulle difficoltà che testimoniano il potere curativo delle immersioni. Nelle immersioni, molte persone hanno trovato speranza per il loro futuro e vogliamo ispirare tanti altri a provare simili trasformazioni e guarigioni personali, sia mentalmente che fisicamente.

Ho fatto immersione con loro, e ho avuto il piacere di incontrare Andrea Fazi, uno dei leader e organizzatori di questo gruppo e la loro Presidente: Valentina Visconti, una donna con un sorriso contagioso, che ringrazio per le emozioni che mi ha donato con queste parole:

I love scuba – I love myself

Scuba + Salute + Benessere. Il messaggio arriva forte e chiaro sin dal primo approccio alla subacquea: per fare immersioni bisogna essere in buona salute e sufficientemente allenati per affrontare attività mediamente impegnative, non eccedere nel mangiare, nel bere alcool e nel fumo. Se non si è in forma, meglio rinviare l’immersione. Queste regole valgono per tutti i subacquei, di qualsiasi livello e in qualsiasi parte del mondo, ma hanno una valenza maggiore per tutte quelle persone che hanno qualche problema di salute, ma che, amando infinitamente il mare, sono disposti a mettersi in gioco e farsi in quattro per goderlo fino in fondo.

Il diabete di tipo 1 (DT1) è una malattia cronica che ha solitamente l’esordio nell’infanzia o nella prima giovinezza. Per delle cause che sono ancora sconosciute, le cellule del pancreas che creano l’insulina si autodistruggono. L’insulina è un ormone fondamentale perchè regola la quantità di zuccheri nel sangue. Le persone che non producono insulina sono costrette ad assumerla attraverso iniezioni o infusori.

La vita di una persona con diabete è scandita da controlli della glicemia e assunzioni di insulina, in un eterno tentativo di mantenere l’equilibrio tra quotidianità, straordinarietà e valori glicemici corretti. E’ un po’ come mantenere l’assetto sott’acqua: bisogna continuamente fare attenzione a se stessi e all’ambiente circostante, agire con testa e fare le correzioni necessarie. Perdere l’assetto del diabete non è poi così difficile, e le conseguenze possono essere pericolose. Per questo motivo la subacquea è stata tradizionalmente negata ai diabetici.

Oggi il tabù è stato infranto e le persone con diabete possono vivere liberamente il mare. E’ stata trovata una soluzione. O, per meglio dire, ci si è affidati alla regola generale, quella che vuole che ci si immerga solo se si è in buona salute, e la si è applicata all’ennesima potenza.  Perché per stare davvero bene, una persona che ha una malattia cronica come il diabete deve sapersi curare alla perfezione, studiare le regole del metabolismo e applicarle su se stesso per arrivare ad una profonda consapevolezza di se e della malattia. Un percorso difficile, che costringe ad uscire dalla “zona di comfort” delle abitudini quotidiane e mettersi duramente alla prova.

Non è facile. Non è immediato.

Ma l’amore e la passione per il mare sono più forti delle difficoltà.

E’ la voglia di vivere il mare fino in fondo, di esplorarlo, scoprire l’ignoto nel blu

E’ il desiderio di volare nell’acqua, di regolare il proprio respiro con i movimenti fluidi.

E’ il brivido di confrontarsi con un ambiente ostile ed uno sport fidante.

Sono queste le motivazioni che spingono i subacquei con diabete a prendersi davvero cura di se stessi e a migliorarsi. Si migliora per andare sott’acqua, ma ciò che si impara in acqua diventa vita quotidiana e futuro migliore

Immergersi ci insegna che esiste un mondo alternativo. Basta mettere la testa sott’acqua.

E poi alzarla, per affrontare le difficoltà

NDR: il Progetto Diabete Sommerso, da cui l’omonima Associazione, è nato 13 anni fa e ha consentito a numerosi ragazzi e ragazze con diabete di ottenere il brevetto subacqueo, e soprattutto di migliorare il proprio stato di salute attraverso la passione per il mare.

Sii come il mare che rifrangendosi sugli scogli torna a ricomporsi e a riprovarci ancora ad abbattere quella infrangibile barriera mai stanco di cimentarsi. (Jim Morrison)

Comincia a pianificare le vendite natalizie

Autore: Megan Denny

Secondo uno studio pubblicato da Forbes, nel 2017 i consumatori pianificano di spendere, per gli acquisti di Natale, più di quanto hanno fatto nel 2016. Se non avete ancora un programma per capitalizzare su questi acquisti, eccovi alcune tecniche per incoraggiare i clienti a regalare la subacquea.

GiftOfDiving

Ispirate i clienti

Usate le vostre newsletter e canali social per promuovere le vostre principali idee regalo per subacquei (maschili e femminili), e non dimenticate di promuovere idee regalo, sempre legate alla subacquea, per bambini. Quando i clienti possono fare una gran parte del loro shopping natalizio nel vostro negozio, tutti ne guadagnano.

Raggruppate gli articoli in modo da evitare paragoni sui prezzi

Il numero di persone che acquista regali natalizi online aumenta di anno in anno, ma solamente una piccola percentuale di consumatori acquista tutti i regali online. Una determinazione strategica dei prezzi e accurate promozioni possono prevenire l’attività chiamata “showrooming” (controllare i prodotti in negozio e poi acquistarli online) e darvi la possibilità di guadagnare di più.

Raggruppare i prodotti rende più difficile paragonare i prezzi, e quindi fare “showrooming”.

Quando mettete insieme maschera, pinne, snorkel, borsa per attrezzatura e un liquido anti appannamento ad un prezzo scontato del 20%, sarà molto difficile paragonare il vostro prezzo con quello di un venditore online. Un altro modo di evitare paragoni è di combinare addestramento e attrezzatura (per esempio una macchina fotografica e un corso di fotografia digitale).

DSAT Dive Day 2008

Mettete in risalto le competenze locali

Se il vostro personale usa GAV, mute umide e stagne, o altra attrezzatura di un certo marchio, assicuratevi che chi visita il vostro negozio sappia il perché. Ad esempio, un GAV leggero potrebbe non avere abbastanza capacità di spinta per qualcuno che si immerge in acqua fredda con muta stagna o muta umida spessa. Oppure, un certo tipo di computer subacqueo potrebbe avere uno schermo piccolo, difficile da leggere sott’acqua.

Il subacqueo che entra nel vostro negozio potrebbe non pensare a ciò. Affiggete commenti sull’attrezzatura, o elenchi a punti, che evidenzino le caratteristiche e i benefici dei vostri prodotti favoriti; potete considerarli come “commessi o commesse silenziosi”. Assicuratevi che il vostro staff sia pronto a spiegare le conseguenze di scegliere il prodotto più economico quando questo non risponda ai bisogni del subacqueo.

Con ogni acquisto, cercate di offrire una sensazione di benessere

Un modo per incoraggiare i subacquei a fare i loro acquisti natalizi da voi è di appoggiare un ente di beneficenza locale. Offrite di donare una parte del vostro incasso, organizzate una raccolta di cibo in scatola, oppure promuovete il lavoro di volontariato che voi e il vostro staff fate per la comunità. Assicuratevi che, a sua volta, il vostro partner promuova la vostra attività nelle loro newsletter e nei loro social.

Un’altra opzione è di offrire qualcosa ai vostri acquirenti. Ad esempio, se spendono 250 € o più durante una sola visita al vostro negozio, date loro un voucher da 25€ da spendere nel 2018.

Offrite una politica di reso flessibile

Nel 2016, il 22 per cento degli acquirenti ha rifiutato un acquisto natalizio a causa di una politica di reso poco conveniente (fonte NRF). Affiggete cartelli che spieghino dettagliatamente la vostra politica di reso e fate in modo che siano bene in vista, vicino alle casse, su uno specchio o nei camerini di prova.

GearPackage_PADIDiveShop_0513_0067

Invitate i clienti a creare una lista di desideri online

Le liste di desideri online permettono ai consumatori di digitare, o copiare e incollare, link di prodotti che vorrebbero ricevere come regalo. Gli acquirenti possono cercare tali liste usando l’indirizzo email dei loro amici o familiari.

Esistono diversi siti che permettono ai clienti di creare e condividere liste di questo tipo. Un’opzione è Giftster, un sito di compilazione di liste di desideri gratuito con una funzione di gruppo (ideato per le famiglie) che potrebbe funzionare anche per i negozi sub. Dopo aver creato un gruppo, digitate gli indirizzi email per invitare le persone a creare la loro lista di desideri. Se il vostro sito internet si appoggia a Shopify, sono disponibili “plug-in” apposta per questo.

Le vendite natalizie portano grossi guadagni

Per molti rivenditori, il 20 per cento dei loro ricavi annuali proviene da vendite natalizie. Organizzarsi per tempo per promuovere idee regalo e creare pacchetti regalo può portare lauti guadagni. Quanto prima cominciate, tanto maggiore sarà il ritorno.

Benefici del My PADI Club

My PADI Club™ fornisce ai subacquei gli strumenti online, il supporto di comunità, il consiglio di esperti e i risparmi che desiderano e di cui hanno bisogno. Tutto ciò in un unico luogo. L’obiettivo è di rendere più semplice l’esplorazione, l’apprendimento e la condivisione della loro passione per la subacquea e, in cambio, aiutare i PADI® Dive Center, i Resort e i professionisti ad avere successo. Qui di seguito, i principali benefici per i membri PADI:

Club_AdvertGraphicPubblicità per il business – Usate la funzione Store Profile per ottenere visibilità e promuovere la vostra attività direttamente a milioni di potenziali clienti.

Club_EarnGraphicGuadagnate con ogni subacqueo che iscrivete – I PADI Dive Center, i Resort e i professionisti guadagneranno commissioni sui membri registrati al Club.

Club_GrowGraphicSviluppate il vostro business – Utilizzate i risparmi sui corsi e sull’attrezzatura di marchi famosi come incentivi per aumentare le vendite e le certificazioni tra i membri del Club.

Club_BuildGraphicRafforzate le relazioni con i clienti – Cercate e connettetevi ai vostri clienti, e usate gli strumenti del Club per avvertirli di eventi e altre speciali occasioni.

Come fanno i membri a guadagnare commissioni da una nuovo cliente che si registra?

Quando un subacqueo, grazie ad un’email di invito proveniente dal negozio, si registra al My PADI Club, o quando il subacqueo digita il nome del centro in un campo di registrazione, il PADI Dive Center, il Resort e l’istruttore certificante guadagnano automaticamente una commissione.

Viene pagata una commissione per ogni subacqueo che, per la prima volta, acquista l’iscrizione al Club e vi rimane per almeno 60 giorni.

Ai nuovi subacquei viene inviata un’email con un link di iscrizione al Club per un periodo di prova di 14 giorni. Inoltre, potete indirizzare i vostri clienti direttamente alla pagina di iscrizione padi.com/mypadiclub.

Cinque modi in cui, diventare un PADI Dive Instructor, ti porta beneficio nel mondo reale

Essere PADI Instructor significa molto di più che essere un buon subacqueo (ovviamente ciò aiuta). Un buon istruttore è anche: un oratore interessante, una persona che sa anticipare i bisogni di uno studente, e qualcuno che riesce a suddividere argomenti difficili in più parti facilmente comprensibili.

Queste abilità, che vengono apprese durante il PADI Instructor Development Course (IDC), sono anche estremamente utili nel mondo reale. I candidati istruttori spesso raccontano di come la formazione per istruttori PADI abbia migliorato la loro abilità di comunicare idee, abbia rafforzato la loro sicurezza nel parlare in pubblico, e abbia insegnato loro come offrire critiche costruttive. Ad esempio: nei PADI Office, non è raro che il personale (in tono semi-serio) usi una tecnica appresa durante un IDC per far rispettare le procedure in ufficio:

“Mi è piaciuto come – hai messo in ordine la stanza di ristoro. Tuttavia, ho notato che qualcuno si è dimenticato di – fare il caffè quando la caraffa è vuota. Ricorda, è importante che – i tuoi colleghi facciano il loro pieno di caffeina.”

Mentre alcuni hanno un’inclinazione naturale all’insegnamento, molti iniziano il loro corso IDC PADI pensando: “Come farò a insegnare a qualcuno a respirare sott’acqua?” Qui è dove un PADI Course Director dimostra tutta la sua bravura. Usando il sistema di educazione PADI, i candidati istruttori imparano come organizzare e presentare informazioni, come condurre sessioni di sviluppo di abilità, e come gestire l’addestramento in acqua libera. Al termine dell’IDC, i candidati possiedono una conoscenza approfondita e l’abilità di spiegare e presentare informazioni con sicurezza.

Oltre a migliorare le tue abilità acquatiche e di presentazione, l’IDC è un modo fantastico di entrare in contatto con persone interessanti. I subacquei che frequentano un corso DivemasterIDC imparano molto gli uni degli altri, crescono insieme e formano un legame speciale.

Se non sei soddisfatto del tuo attuale lavoro, diventare un PADI Instructor ti permetterà di migliorare abilità professionali e ti aprirà nuove porte. I PADI Dive Instructor sono i professionisti subacquei più ricercati al mondo. Una volta che sarai un PADI Pro, potrai velocemente consultare la bacheca degli annunci di lavoro, sul tuo sito PADI Pros, e valutare posizioni disponibili in dozzine di Paesi.

Anche se non vuoi fare l’istruttore a tempo pieno, lavorare part-time come istruttore o guida subacquea è un ottimo modo per integrare altri lavori come freelance a casa o in qualche paradiso tropicale. Potresti anche riuscire ad ottenere crediti scolastici. Infine, essere un professionista PADI e trasformare la vita degli altri è una cosa estremamente gratificante.

Ottieni maggiori informazioni su come diventare un istruttore sub, oppure valuta alcune delle carriere subacquee disponibili per i PADI Pro. E ancora, per iscriverti ad un corso Divemaster o IDC, mettiti in contatto con il tuo PADI Dive Center/Resort locale.

Passare a PADI – Un vero partner in business

Cambiare didattica non è mai una decisione facile, ma quando un centro sub diventa un PADI Dive Center/Resort, i risultati possono essere davvero eccezionali. Lo scorso anno, più centri sub e resort che mai si sono uniti a PADI. Uno di questi è Mare Nostrum Diving, in Sicilia, Italia, che nel 2016 ha scelto di passare a PADI e da allora è diventato un membro di successo della PADI Retail and Resort Association. Sebbene fossero già un centro di un certo successo nell’organizzazione di escursioni subacquee, con PADI il management di Mare Nostrum Diving ha voluto passare ad un livello superiore.

Mare Nostrum Diving Center

Per anni, Mare Nostrum Diving non era mai stato propenso a lavorare con PADI, ritenendo che la didattica con cui collaboravano allora fosse sufficiente a soddisfare il loro mercato locale Siciliano. Tuttavia, dopo varie discussioni con Fabio Figurella, PADI Regional Manager, sui loro obiettivi di lungo periodo all’interno del mercato Italiano e sulle future opportunità per Mare Nostrum Diving, è stata presa la decisione di passare a PADI.

Tatiana Geloso, co-proprietaria di Mare Nostrum Diving, spiega il ruolo giocato da Fabio: “Il suo lavoro non si è esaurito una volta ottenuto il nostro passaggio in PADI. Al contrario, è stato solo l’inizio: sono seguite telefonate, riunioni, progetti, collaborazioni, tutte atte ad incrementare il business locale nell’interesse di entrambi.”

Sebbene sia PADI Divemaster da 20 anni, Tatiana aveva sempre insegnato corsi di altre agenzie didattiche. Quando è passata a PADI, è diventata PADI Instructor. Qualsiasi dubbio avesse, prima di ritornare con PADI, è stato presto chiarito. Dice Tatiana: “Ora ci rendiamo conto di avere un vero partner nella nostra attività e sentiamo che, dietro al “Customer service”, ci sono persone reali, conosciamo i loro nomi, possiamo immergerci con loro! Credo che i servizi offerti siano altrettanto efficienti di quando erano in stile Svizzero (per molti anni abbiamo avuto contatti con Hettlingen!) Ora, però, abbiamo persone cordiali con cui parlare (e come potrebbe non esserlo, con due ragazze, nell’ufficio di Bristol, provenienti dal Sud Italia!). Le email sono scritte in modo professionale, ma allo stesso tempo con un tocco personale. L’assistenza si basa sulla comprensione dei nostri bisogni e non si limita ad un elenco di informazioni.”

“Un servizio al cliente di prima qualità è un elemento essenziale dell’esperienza dei membri PADI,” dice Drew Richardson, Presidente/CEO di PADI Worldwide. “La vita, in un PADI Dive Center, è spesso frenetica, quindi è essenziale fornire un servizio veloce ed efficiente per permettere allo staff del centro di fare lo stesso con i loro clienti. Questo è il motivo per cui i PADI Regional Headquarter prestano tanta attenzione nel fornire un eccellente servizio al cliente per i loro affiliati.”

Mare Nostrum Diving ha considerato il passaggio da una vita senza PADI ad una con PADI una “rivelazione”. L’immagine del marchio PADI è potente e viene riconosciuta come didattica leader nella subacquea. Pur con questa idea, Mare Nostrum Diving non ha avuto la sensazione di essere una rotella di un ingranaggio, ma ha capito di avere un vero partner, “un partner con cui collaborare, dove entrambe le parti, all’interno della partnership, ottengono il loro utile.”mare-nostrum

Da quando è passato con PADI, Mare Nostrum Diving ha seguito da vicino gli articoli pubblicati sui social, sia in Italiano che in Inglese, per cercare di ottenere ispirazione, suggerimenti, idee di marketing e indicazioni su come applicare tutto ciò alla loro realtà. Dice Tatiana: “Apprezzo il fatto che, come affiliato, non solo ottengo suggerimenti sugli standard di addestramento, ma anche su come promuovere la mia attività.”

I PADI Regional Training Consultant, il Customer Services, i Regional Manager e il Marketing Team sono sempre pronti a offrire consigli e idee, in qualsiasi momento. Un PADI Dive Resort potrebbe semplicemente aver bisogno di una spinta nella giusta direzione per quanto riguarda le loro strategie di marketing sui social, di un’analisi dettagliata della loro strategia dei prezzi, oppure un Five Star Dive Center potrebbe aver bisogno di assistenza con una completa ristrutturazione del negozio e una consulenza sul sito internet.

Dice Drew Richarson: “Ogni giorno, in tutto il mondo, il sistema di educazione subacquea PADI porta gli studenti subacquei nei PADI Dive Center. Anche le collaudate strategie e gli innovativi strumenti di marketing, come l’annuale marketing “tool-kit” gratuito, portano clienti.”

Far parte della famiglia PADI dà maggiore esposizione a Mare Nostrum Diving. Non si può negare che Tatiana sia una rispettata istruttrice Federale Italiana con un buon seguito a livello locale; ma ora, con PADI dalla loro parte, Tatiana e Mare Nostrum Diving possono venire immediatamente riconosciuti da qualsiasi potenziale cliente che voglia immergersi sotto il fidato marchio PADI.

.

Be Best. Be PADI.℠ The Way the World Learns to Dive™

PADI ammessa alla International Scuba Diving Hall of Fame

PADI, leader del settore nell’educazione subacquea, grazie alla sua ammissione alla International Scuba Diving Hall of Fame (ISDHF), fondata nel 2000 dal Ministero del Turismo delle Cayman Island, si unisce agli innovatori più riconosciuti nel mondo della subacquea. La cerimonia di ammissione, per PADI e per gli altri membri ammessi, si è svolta il 29 settembre 2017 presso il Marriott Grand Cayman Beach Resort. PADI, che ha ottenuto il riconoscimento di “Pionere ISDHF”, ha stabilito le basi per i programmi di addestramento subacqueo standardizzato. In qualità di didattica più grande al mondo, PADI rende la subacquea accessibile in tutto il mondo grazie a materiali didattici disponibili in molteplici lingue e a corsi offerti da oltre 133.000 professionisti e 6.400 centri e resort subacquei PADI, in oltre 186 Paesi.

Oltre all’educazione subacquea, PADI pone grossa importanza sulla conservazione, sulla comunità, sull’avventura e sull’esplorazione subacquea. Grazie ai suoi Quattro Pilastri del Cambiamento, PADI è impegnata a costruire un movimento di ambasciatori per la salvaguardia della vita marina e per agire in difesa del pianeta oceano.

Dr. Drew Richardson, Presidente/CEO a capo del PADI Worldwide Executive Team, afferma: “La missione di PADI è di fare del bene, di essere i migliori al mondo e per il mondo. Responsabilizzando i subacquei in tutto il mondo e dando loro la possibilità di partecipare più efficacemente a livello locale, il cambiamento è inevitabile.”

PADI, assieme a Project AWARE®, suo partner storico nell’attività di conservazione, continua ad espandere la sua missione di proteggere la salute del nostro pianeta. Dice ancora Richardson: “Con ogni certificazione emessa, PADI crea un numero sempre maggiore di portavoce per l’oceano, per cercare di difendere e salvaguardare l’ambiente marino per le generazioni future. Da parte di tutta l’organizzazione PADI, siamo onorati di veder riconosciuto, da parte della International Scuba Diving Hall of Fame, il nostro lavoro e i nostri continui sforzi.”

 

Be Best. Be PADI. The Way the World Learns to Dive®.