PADI Women’s Dive Day: Donatella Ischia

Con l’avvicinarsi del PADI WOMEN’S DIVE DAY che si terrà il prossimo Sabato 21 Luglio PADI EMEA intervista alcune donne che da anni si stanno dedicando interamente alla subacquea.

Donatella Ischia è Membro PADI dal 2000 e Course Director PADI dal 2013, è titolare insieme al marito del 5 Star IDC “Ambiente Acqua” ad Arco (Trento).

Quando ti sei innamorata dell’acqua?

Nel 1997! Ero in vacanza con un’amica, lei era subacquea ed io no, così ho provato e mi è piaciuto tantissimo!

Come hai iniziato ad immergerti?

Quando sono tornata a casa dalla vacanza ho cercato un centro e ho fatto il mio primo corso. Parliamo del 1997 e il corso lo feci al Lago di Garda.

Un anno dopo proprio sott’acqua (in un’immersione al Cristo Silente di Porto San Nicolò di Riva del Garda) incontrai quello che sarebbe diventato mio marito!

Quando sei diventata Istruttore PADI?

Sono diventata Istruttore nel 2004.

Avevo fatto il corso Divemaster assieme a mio marito qualche anno prima; lui nel 2002 era diventato Istruttore e così fondammo una piccola scuola. Nei primi tempi lo assistevo come Divemaster, ma ad un certo punto ci rendemmo conto che serviva che diventassi Istruttore anch’io e così feci l’IDC.

Perché hai scelto di diventare Course Director PADI?

La piccola scuola di immersioni è diventata nel 2008 anche un negozio di attrezzature subacquee ed un centro ricariche. Subito ho voluto che il nostro centro diventasse un Centro PADI, ma puntavo già al 5 Stelle che abbiamo raggiunto nel giro di un anno. A quel punto la scelta era obbligata! Ricordo che ne parlai con il Regional Manager che fu entusiasta e mi spronò affinché l’obiettivo diventasse realtà.

Perché hai scelto di aprire un Centro PADI in Trentino, regione così lontana dal mare?

La subacquea è la passione della mia vita ed è diventata anche una scelta professionale. Sono nata e vissuta sulla sponda trentina del Lago di Garda, che amo e che non finisce mai di affascinarmi, quindi è proprio qui che volevo farlo. E poi immergersi nel Lago di Garda è molto più bello di quello che si possa pensare. La guida di immersioni che ho scritto insieme a mio marito (Top Garda Diving) l’ho sottotitolata “la montagna sommersa” perché è proprio così che appare il lago sott’acqua, con canaloni, franate e pareti vertiginose, frammezzate da arenili disseminati di piante acquatiche.

Cosa diresti a chi legge questo articolo ed in particolare alle donne che sono interessate alla subacquea?

Direi quello che la PADI mi ha insegnato da subito … vedi luoghi, conosci persone e fai cose… sembra una frase banale ma non lo è affatto. Una donna può veramente esprimersi in mille sfaccettature, perché la subacquea non è solo uno sport, ma una multidisciplina, quindi offre la possibilità di far emergere le qualità e le passioni di ciascuno!

Grazie Donatella, per l’intervista e per tutto ciò che fai a sostegno della subacquea e di PADI!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *