Training Bulletin Live – Quarto Trimestre 2018

 

Siamo lieti di invitarti a partecipare al webinar del Training Bulletin Live – Quarto Trimestre 2018. Come sempre, parleremo dei cambiamenti relativi ai nuovi standard, daremo informazioni generali sugli aggiornamenti e vedremo da vicino come questi potranno essere integrati nel tuo addestramento.

Unisciti a noi, nella tua lingua preferita e nelle date elencate qua sotto. Se perdi l’evento live, con l’iscrizione riceverai un’email di promemoria che ti collegherà alla registrazione.

Quarto Trimestre 2018:

24/10/2018 Inglese

https://attendee.gotowebinar.com/register/6108084350881035011

25/10/2018 Olandese

https://attendee.gotowebinar.com/register/8154793362070932482

29/10/2018 Tedesco

https://attendee.gotowebinar.com/register/8969213720723781378

30/10/2018 Spagnolo

https://attendee.gotowebinar.com/register/3300505598612320001

31/10/2018 Francese

https://attendee.gotowebinar.com/register/727249266915444993

01/11/2018 Russo

https://attendee.gotowebinar.com/register/1829437108179511299

05/11/2018 Greco

https://attendee.gotowebinar.com/register/1849712103928519938

06/11/2018 Polacco

https://attendee.gotowebinar.com/register/6526135164458981889

07/11/2018 Arabo

https://attendee.gotowebinar.com/register/7688162827751539971

08/11/2018 Portoghese

https://attendee.gotowebinar.com/register/4204023781180959234

14/11/2018 Italiano

https://attendee.gotowebinar.com/register/2352880507098996226

21/11/2018 Scandinavo/Nordico

https://attendee.gotowebinar.com/register/634512061568823297

Se avete domande riguardo al webinar, potete inviare un’email a [email protected]. Vi aspettiamo numerosi!

PADI GO PRO Night 30 Giugno 2018 – Giardini Naxos.

di Fabio Figurella – Regional Manager PADI EMEA.
Lo scorso 30 Giugno ho avuto il piacere e l’onore di partecipare come ogni anno ad una PADI Go Pro Night organizzata dal Centro PADI Sea Spirit di Giardini Naxos, uno dei centri più attivi Italiani nella formazione di Sub a livello internazionale soprattutto per la parte professionale gestito dal Course Director Carmelo Sgroi, e da Cilla Lentz Diving Center Manager.
Ogni anno sono sempre venuto con grande piacere a questi eventi poiché c’è sempre un gran numero di partecipanti, a livello internazionale e molto interessati alla Carriera Professionale PADI.
Quest’anno l’evento ha avuto un successo enorme, organizzato in collaborazione con l’associazione MEGISS Dive Lab ha visto affrontare il tema della fotografia Naturalistica e della consapevolezza Ambientale legata al mondo dei professionisti PADI.
Ospiti d’eccellenza Francesco Turano, fotografo Naturalista che ha proiettato delle immagini che hanno creato fortissime emozioni in sala.
Presente anche la Dr. Laura Marroni Vice-Presidente di DAN Europe Foundation, una tra le più giovani manager a livello mondiale dell’industria subacquea, che ha presentato la fondazione DAN Europe e le sue attività, raccontando la sua esperienza vissuta durante l’IDC diventando Istruttore PADI.
All’incontro hanno partecipato circa 60 Professionisti PADI o Rescue Diver interessati ad intraprendere la loro carriera Professionale.

L’obiettivo principale dell’evento è presentare ai tanti Rescue e Divemaster presenti le opportunità della carriera Professionale PADI, la magia di poter cambiare vita e trasformare la propria “Passione” in una “Professione”.

Tema centrale dell’evento la conservazione del Mar Mediterraneo come obiettivo principale dei Professionisti PADI.

Ho intervistato alcuni dei componenti più rappresentativi dello Staff di Sea Spirit:

Carmelo Sgroi – PADI Course Director.
La Sua carriera comincia come Dive Master Padi nelle acque del mediterraneo della costa Ionica di Taormina. Diventato in seguito un PADI open water dive instructor in Australia. Diventato in seguito IDC Staff Instructor e Master Instructor PADI presso Koh Tao-Thailand. Nel 2018, Carmelo Sgroi completa con successo il corso di formazione per direttori di corso PADI in Malesia e consegue lo stato di direttore di corso PADI. Nel 2015 Sea Spirit Diving Resort diventa un 5 star IDC Resort e Carmelo Sgroi e Mark Soworka decidono di portare la loro esperienza anche in Europa organizzando il primo corso Istruttori PADI internazionale in Sicilia e fondando anche dive-careers-europe.

Ha chiuso Laura Marroni Vice Presidente di DAN Europe ecco le sue parole:
Partecipare alla PADI Go Pro Night a Taormina è stata una grande esperienza. Ho avuto l’opportunità di parlare con un gruppo di subacquei appassionati disposti a diventare Istruttori e raccontare loro della mia carriera nell’ industria Subacquea e di come DAN può aiutarli e proteggerli. DAN è sempre stata dalla parte di ogni sub, dai principianti ai più esperti. I professionisti dell’immersione possono contare sulla nostra assistenza medica e supporto in ogni fase della loro carriera e possono a loro volta aiutarci a rendere le immersioni più sicure partecipando ai nostri programmi di ricerca. Tutti insieme siamo una grande comunità e condividiamo un obiettivo molto importante: fare immersioni in sicurezza, nel rispetto dell’ambiente. Come professionisti, abbiamo il privilegio di guidare le persone attraverso il meraviglioso mondo sommerso e il potere di cambiare la vita delle persone. Essere istruttori subacquei è molto più che un lavoro, è una missione impegnativa e bella!


Infine come PADI EMEA abbiamo consegnato un riconoscimento speciale al Fotografo Naturalista Francesco Turano “Per l’Eccezionale impegno nella divulgazione della sostenibilità Ambientale attraverso la Fotografia Naturalistica” Ecco le sue parole:
La consapevolezza del subacqueo è un punto fondamentale su cui puntare oggi. Tutto nasce dal fatto che il turismo subacqueo non è più in equilibrio con l’ambiente marino, sovente sfruttato senza essere conosciuto e rispettato. Anche i diving center dovrebbero modificare il loro modo di operare e la gestione delle immersioni per gruppi numerosi.
La didattica sub, che ha il compito di introdurre alla fruizione del mondo sommerso, deve essere accompagnata, oggi più cha mai, da adeguata formazione riguardo la biologia marina e l’ecologia, attraverso strumenti come l’osservazione naturalistica e la fotografia. Solo così si evita di immergersi per un divertimento effimero, fine a se stesso, e si diventa consapevoli, attraverso la conoscenza degli ambienti sommersi e quindi portati al rispetto della vita nel mare.
Una vita in Mediterraneo, studiando e fotografando in tutte le stagioni e in ogni condizione, mi consentono oggi di affermare che la subacquea deve evolversi attraverso una corretta educazione ambientale, possibile solo con corsi adeguati che permettano di apprendere punti importanti nella pratica delle immersioni. Ho condiviso il mio pensiero con MEGISS, associazione per la conoscenza e la tutela degli ambienti marini in Mediterraneo, e adesso vorrei provare a condividerla con PADI, qualora si colga l’importanza e la validità del messaggio!

Fare rapporto di incidenti

Gli Standard PADI richiedono che tu faccia rapporto di eventuali incidenti che accadono, in modo da poterli seguire, identificare e gestire in maniera appropriata, se ce ne dovesse essere necessità. Come parte del tuo Accordo di Affiliazione PADI, accetti di inviare un Modulo di Rapporto Incidente PADI per ogni incidente che riguarda la tua attività come Membro PADI. Inoltre, gli Standard PADI richiedono quando segue: “Invia al tuo ufficio PADI un Modulo PADI di Rapporto di Incidente immediatamente dopo essere stato testimone di un infortunio/incidente subacqueo o comunque correlato all’immersione, oppure esservi stato coinvolto; ciò indipendentemente dal fatto che l’accaduto sia connesso all’addestramento, ad un’immersione ricreativa o tecnica, o ti sembri insignificante.”

Mentre il Modulo di Rapporto Incidente si concentra ampiamente sulla raccolta di informazioni relative a incidenti subacquei, è importante ricordare che sei anche obbligato a fare rapporto di incidenti che accadono durante attività di snorkeling, skin diving e apnea, così come qualsiasi incidente che coinvolge subacquei, clienti sub, staff o chiunque operi in qualsiasi modo in un business subacqueo.

I Moduli di Rapporto Incidente dovrebbero essere inviati direttamente al reparto Quality Management (preferibilmente via email, all’indirizzo [email protected] ) non appena possibile dopo l’incidente. Ciò assicura che importanti informazioni siano raccolte quando il ricordo degli eventi è ancora vivo. Usa sempre la versione più corrente del Modulo di Rapporto Incidente, che puoi trovare sul sito PADI Pros (Addestramento/Moduli e Applications/Lingua/Generale), in modo da essere sicuro che tutte le informazioni richieste vengano raccolte. Se l’incidente è avvenuto durante un corso PADI, non dimenticare che – assieme al Modulo di Rapporto Incidente – dovrai anche inviare copie di tutta la modulistica relativa al corso dello studente.

Se più di una persona della stessa struttura è coinvolta nell’incidente, o ne è testimone, è accettabile che una persona compili il Modulo di Rapporto Incidente e che gli altri firmino il sommario, oppure che scriva una lettera di accompagnamento, firmata da tutti, dove si affermi che tutti concordano con i dettagli contenuti nel rapporto (sono accettabili anche dichiarazioni simili, da parte di tutti i Membri coinvolti, via email; queste devono provenire da indirizzi depositati in PADI).

Se avessi domande riguardo i requisiti sul rapporto di incidenti, mettiti pure in contatto con il reparto Quality Management direttamente all’indirizzo [email protected] per chiarimenti.

PADI SUEX ADV Diver – eventi 2018.

Nell’ottobre 2017, a Santa Margherita Ligure, da un’idea di Fabio Figurella (PADI RM) e Ivo Calabrese (Marketing Manager SUEX) è nato il primo workshop “Master Class” PADI – SUEX con il lancio di una specialità Distintiva PADI SUEX ADV Diver.
Durante quel workshop sono stati formati 12 tra Trainer e Istruttori esperti PADI che sono diventati i primi Istruttori di questa nuova specialità che sancisce la collaborazione tra PADI e SUEX.

Il workshop è stato condotto in collaborazione con DAN Europe che per l’occasione con il Team DAN Research, ha creato un protocollo medico per la raccolta di dati finalizzata alla realizzazione di uno studio relativo agli effetti fisiologici di immersioni ricreative e tecniche con uso di DPV.

A Maggio 2018 sono stati effettuati i primi 2 eventi per il lancio della nuova specialità:

“Pull the Trigger Camp” Organizzato dal Centro PADI Resort Blue Aura di Santa Flavia – Palermo.

Dalla tenacia della sua Titolare Monica Restivo eccola in poche parole:
“inizio la mia carriera subacquea nel 1992 sino a diventare nel 2002 Istruttore. Esperienza lavorativa in Egitto e presso diving locali. Nel 2010 inizia la mia avventura mettendomi in proprio, creando Blue Aura diving club. Nel corso degli anni sono cresciuta professionalmente partecipando e conseguendo certificazioni che aumentassero la mia formazione professionale. Uno degli ultimi traguardi raggiunti è quello di perfezionarmi e specializzarmi nell’utilizzo e nella tecnica del Sidemount, sino a diventarne Istruttore! Blue Aura Diving club si trova a Santa Flavia (PA) all’interno di un contesto meraviglioso e ricco di storia, infatti siamo a Solanto , all’interno di un’antica tonnara ristrutturata che offre molteplici servizi ai propri clienti”

L’evento è stato una vera e propria full immersion dedicata ai corsi PADI SUEX ADV iniziato il 28 Aprile e terminato il 13 Maggio. Sono stati formati ben 12 nuovi sub nella nuova specialità SUEX e nella tradizionale Sidemount.

Matteo Varenna: Master Instructor PADI, opera da 18 anni nell’AMP di Portofino. La scelta di utilizzare esclusivamente la configurazione Sidemount passa attraverso l’approccio alla subacquea tecnica, 3 anni di esperienza presso Portofino Divers, facility GUE più importante d’Italia (è GUE Tech1 e DPV 1), un brevetto IANTD Cave in Messico con Patrick Widmann (disegnatore del gav Stealth 2.0 xDeep) e 3 anni meravigliosi nelle grotte di Capo Caccia.


Si è avvicinato al Sidemount per curiosità agli inizi del 2012 e, dopo una stagione di Sidemount “ricreativo” a Sharm, si è specializzato a Malta con Steve Martin, nome ormai accreditato nel mondo Sidemount.
Ha continuato il suo percorso Cave con Alberto Salvini con i corsi IANTD Sidemount Technical Cave Diver e Advanced Cave Sidemount & No Mount Diver.


Nel 2015 ha scritto la Specialità Distintiva PADI STP, con lo scopo, tra gli altri, di riaddestrare o completare la formazione di molti istruttori PADI già Istruttori Sidemount e Tech.
Insegna tutta la gamma dei corsi PADI, adottando, dove previsto, la sola configurazione Sidemount.
Oggi è uno dei soli 3 istruttori al mondo accreditati Steve Martin’s Sidemount Essentials.
Nel 2017 ha partecipato, su invito, come experienced DPV Instructor, alla prima MasterClass (in collaborazione PADI/SUEX/DAN), per il lancio della Specialità Distintiva PADI ADV Suex Diver di cui oggi è istruttore.

Nel week end 2-3 Giugno è stato organizzato il 2° Evento in collaborazione con SUEX e DAN Research presso il Diving Capo Murro di Ognina – Siracusa.

Il titolare Fabio Portella, anche lui Istruttore PADI SUEX ADV Diver vanta una decennale esperienza in corsi TEC, CAVE e DPV.

Durante l’evento sono state condotte da un gruppo di sub selezionati immersioni con e senza DPV che serviranno alla raccolta dati effettuata secondo un protocollo messo a punto da DAN Research per lo studio degli effetti fisiologici durante le immersioni con uso del DPV.

Come PADI abbiamo preso l’impegno di continuare insieme a DAN research e SUEX nelle attività di ricerca medica, abbinata alle attività di monitoraggio ambientale.

PADI continuerà in collaborazione con SUEX e DAN ad organizzare eventi di esplorazione legati all’ attività ambientale ed archeologica. Il prossimo appuntamento sarà ad Ottobre, organizzato da Capo Murro Diving e Fabio Portella, in collaborazione con la Sovraintendenza del Mare della Regione Siciliana, DAN Research e SUEX. Si tratta di un “Archeo Camp” di formazione con 12 Divers che saranno impegnati nello scenario delle Isole Egadi su un relitto romano in attività didattiche e di studio, ricerca ed esplorazione.

Per info e prenotazioni [email protected]

Come utilizzare in maniera efficace gli Assistenti Brevettati per garantire sicurezza e godersi le immersioni!

Oggigiorno, non ci sono dubbi che utilizzare degli assistenti brevettati in maniera efficace, durante gli addestramenti in acque confinate e libere e durante i programmi di addestramento, possa rendere l’esperienza dell’addestramento e della supervisione più semplice e divertente, sia per i partecipanti che per gli istruttori. Questo è vero, specialmente per i programmi di esperienza o per i corsi di primo livello dove i subacquei non possono essere lasciati incustoditi.

Ci sono tanti ovvi motivi per cui utilizzare assistenti brevettati, come per l’assistenza logistica, migliora la reattività nelle emergenze: avere un paio d’occhi e orecchie “extra” per migliorare il controllo in acqua, la possibilità di aumentare il numero di studenti subacquei con una supervisione, e così via. Per farne un utilizzo più efficace , considerate quanto segue, preso dalla Guide to Teaching PADI:

  • Avere un numero di assistenti presenti e meticolosamente istruiti sui loro ruoli durante l’immersione, incluse informazioni sui servizi in loco, in modo da poter rispondere alle domande degli studenti subacquei. Assicuratevi che sappiano dove si trova e come si utilizza l’attrezzatura d’emergenza – kit di primo soccorso, bombola dell’ossigeno, defibrillatore, telefono/radio, ecc. Devono anche sapere dove si trova l’attrezzatura extra.
  • Ditegli che tipo di assistenza e come guidare gli studenti prima, durante e dopo l’immersione. Ripassa l’ordine delle varie attività e ripetigli dove si devono posizionare in acqua.
  • Per aumentare i tempi dedicati alla pratica, utilizza assistenti brevettati che controllino gli studenti in più durante l’addestramento.

Non dimenticare che durante il corso PADI Open Water Diver, viene richiesta la supervisione diretta dell’istruttore, a eccezione di alcune situazioni dove ci può essere la supervisione indiretta, come nei seguenti casi:

  • Gli assistenti brevettati supervisionano gli studenti durante la parte di nuoto in superficie e dai punti di entrata-uscita e durante gli esercizi di navigazione, così come possono restare con la classe mentre l’istruttore conduce un esercizio (ad esempio quello di risalita e discesa) con uno studente o con un gruppo di studenti.
  • Gli assistenti brevettati possono guidare gli studenti (con un rapporto di 2:1) durante le Immersioni n.2-4 quando sono nella fase di esplorazione del sito subacqueo.
  • Gli Assistant Instructor valutano gli esercizi non obbligatori in superficie in acque libere e conducono il controllo della pressione dell’acqua sott’acqua.

Inoltre l’utilizzo di assistenti brevettati durante i programmi di addestramento PADI rende il sistema di controllo e di sicurezza dei subacquei, che sono sotto la tua responsabilità, più efficaci, sei di aiuto nella preparazione dei futuri PADI Instructors, ed aumentano il divertimento dei tuoi studenti durante l’addestramento/nell’esperienza di supervisione e rendeno la tua vita professionale molto più semplice.

È importante ricordare comunque che secondo gli Standard PADI si definisce un assistente brevettato come un “PADI Instructor in Stato d’Insegnamento, un PADI Assistant Instructor o un PADI Divemaster in Stato Attivo”. Secondo gli Standard PADI l’utilizzo di qualsiasi altro subacqueo come assistente non può essere considerato come “assistente brevettato”. Non dimenticare di controllare le credenziali del tuo assistente!

 

1° Manifestazione Sentinelle Del Mare per Ustica.

Bologna, Aprile 2018 – Il Laboratorio di Biologia Marina e Pesca di Fano e Marine Science Group dell’Università di Bologna hanno ideato, nel Marzo 2017, un progetto per monitorare e tutelare le specie animali e vegetali del Mar Mediterraneo.
Il progetto si chiama “Sea Sentinels – Divers United for the Environment” (DUE project) e prevede il coinvolgimento di volontari non professionisti in un programma di ricerca scientifica. Il metodo di ricerca utilizzato, diffuso a partire dagli anni ’90, si chiama proprio
Citizen Science (la scienza
dei cittadini) ed ha come vantaggi la raccolta di un’elevata quantità di dati in tempi piuttosto brevi, con costi ridotti per gli istituti di ricerca, favorendo, inoltre, l’educazione ambientale dei partecipanti al progetto per un turismo più consapevole e sostenibile.
DUE project coinvolge in particolare gli appassionati del mondo sommerso nel monitoraggio della biodiversità e dello stato di salute del nostro mare, da qui il nome “Sentinelle del Mare”.
A supporto del progetto di ricerca, vi sono due aziende leader a livello mondiale nel settore delle attrezzature e dell’addestramento subacqueo: SCUBAPRO e PADI, e la prima AMP d’Italia l’Area Marina Protetta dell’Isola di Ustica e (prossimamente anche l’Area Marina Protetta di Villasimìus
Capo Carbonara) e l’agenzia di stampa ANSA.


Ustica 11-13 Maggio 2018 Si terrà presso l’Isola di Ustica la prima manifestazione di divulgazione del progetto Sea Sentinels – Divers United for the Environment (DUEproject) e presentazione ufficiale della collaborazione tra l’ Area Marina Protetta Isola di Ustica (AMP Isola di Ustica) e
l’Università di Bologna.
L’AMP Isola di Ustica ha scelto il progetto
DUEproject come metodo di monitoraggio della biodiversità marina. Dall’11 al 13 Maggio saremo presso l’AMP Isola di Ustica per un evento di divulgazione del progetto e raccolta dati. Un weekend di incontri, eventi e immersioni per coinvolgere i frequentatori di questi fondali.
Queste informazioni sono particolarmente rilevanti dal momento che il Mar Mediterraneo è considerato un hot spot di biodiversità: attualmente esso ospita più di 17000 specie che rappresentano circa il 7% della biodiversità marina mondiale ed è fortemente a rischio per i cambiamenti climatici e per gli impatti antropici diretti.
Per contribuire a questa ricerca occorrono solo pochi minuti: al termine dell’escursione in mare (seawatching o immersione), i volontari compilano un’apposita scheda di rilevamento, indicando la presenza e abbondanza delle specie marine incontrate. Le schede compilate, verranno successivamente inviate all’Università di Bologna, dove verranno elaborate dai ricercatori. I
risultati ottenuti, verranno confrontati con quelli di un precedente monitoraggio (Sub per l’Ambiente) svoltosi tra il 2002 e il 2005, consentendo alla comunità scientifica di verificare l’attuale stato di salute del Mar Mediterraneo.
Chiunque voglia partecipare può richiedere le schede tramite posta elettronica o tramite web.
Per informazioni:
www.dueproject.org; [email protected].

 

Sei assicurato?

Con il costante aumento dei contenziosi, una completa copertura assicurativa RC è fondamentale per i professionisti della subacquea.

Mantenere corrente un’assicurazione RC non solo è buona gestione del rischio, ma è anche un requisito in molte regioni (anche se non in tutte) per rimanere in stato d’insegnamento. Sebbene molti Membri ritengano che un’assicurazione RC sia necessaria solamente negli Stati Uniti e forse in Canada, negli ultimi anni abbiamo visto che non è proprio così. Oggigiorno, i contenziosi subacquei sono una problematica globale e vengono intentate cause relative alla subacquea non solo negli Stati Uniti, ma in molte altre località. Anche in Paesi dove le cause civili non sono molto frequenti, spesso vengono effettuate indagini sulle cause di un decesso. In assenza di copertura assicurativa, difendere la propria persona o il proprio business durante indagini sulle cause di un decesso o di una grave lesione può essere una situazione molto costosa.

I professionisti subacquei hanno bisogno di un’assicurazione RC per tutelarsi da richieste di risarcimento in seguito ad incidenti che possono accadere durante l’addestramento di subacquei e snorkelisti, la supervisione e la guida di escursioni subacquee, o addirittura l’attività di assistente di un istruttore durante un corso. Inoltre, chi fornisce attrezzatura ai propri studenti subacquei e partecipanti ai corsi ha bisogno di copertura assicurativa RC sull’attrezzatura, perché quella normale non contempla gli incidenti che si presume siano stati causati dall’attrezzatura.

Inoltre, i centri sub dovrebbero mantenere una copertura RC generica che contempli incidenti risultanti da prodotti venduti, noleggi e riparazioni, ricariche, piccoli incidenti e così via. In alcune zone, i negozi/resort subacquei possono acquistare coperture professionali di gruppo che assicurano il negozio e tutto lo staff associato per la responsabilità d’insegnamento e di supervisione.

Dato il costante aumento nella frequenza e nella portata di cause legali legate alla subacquea, si raccomanda che ogni Membro PADI ottenga le informazioni necessarie per prendere una decisione ponderata. In caso di incidente subacqueo, avere una copertura assicurativa può fare la differenza tra l’avere a disposizione una buona difesa o ritrovarsi finanziariamente rovinati anche quando, come di solito succede, non hai fatto niente di male. Puoi comunque venire citato in giudizio e, in tal caso, ti dovrai difendere. Nel mondo odierno, ogni professionista e operatore subacqueo in attività può trarre beneficio da una copertura assicurativa.

Sottoscrivi oggi una copertura assicurativa per rischi professionali V-Insurance approvata da PADI.

Training Bulletin Live secondo quarto 2018

Qui sotto potete trovare le date per il prossimo Training Bulletin Live Webinar:

Come sempre, discuteremo gli ultimi cambiamenti di standard e forniremo consigli e altre informazioni sugli aggiornamenti e su come integrarli nei vostri corsi. Inoltre, vedremo insieme i nuovi prodotti e forniremo alcuni consigli commerciali e promozionali.

Secondo quarto 2018:

24/04/18 inglese

https://attendee.gotowebinar.com/register/7839064196215400195

25/04/18 francese

https://attendee.gotowebinar.com/register/7603107901475808771

26/04/18 Italiano

https://attendee.gotowebinar.com/register/1567667576097658114

01/05/18 olandese

https://attendee.gotowebinar.com/register/2106645976039839233

02/05/18 Arabic

https://attendee.gotowebinar.com/register/3571879361440354818

03/05/18 polacco

https://attendee.gotowebinar.com/register/6347696520440875010

07/05/18 scandinavo

https://attendee.gotowebinar.com/register/7929177971619022594

08/05/18 spagnolo

https://attendee.gotowebinar.com/register/886614679682627587

09/05/18 portoghese

https://attendee.gotowebinar.com/register/4978906799319278850

16/05/18 russo

https://attendee.gotowebinar.com/register/2943718472887247362

16/05/18 tedesco

https://attendee.gotowebinar.com/register/4462673994655468033

Se avete domande riguardo al webinar, potete inviare un’email a [email protected]. Vi aspettiamo numerosi!

Member Forum 2018 e PADI Divemaster Day con Mamma Padi.

Dopo l’enorme successo del Member Forum fatto durante l’Eudi Show a Marzo con la presenza di oltre 250 professionisti PADI, è venuto il momento di lanciare i Member Forum Regionali.

Il Member Forum PADI 2018 promette di essere un viaggio emozionante ed informativo attraverso i nuovi materiali educativi che sono stati aggiunti alla biblioteca digitale PADI. Questo Member Forum sarà un’eccellente occasione per discutere i seguenti argomenti:

Revisione del 2017
Prodotti & Standards PADI
Novità Per Il Mercato Italiano
Marketing
My PADI Club
Project Aware – Scuola D’Amare 2018

La registrazione attraverso la pagina Mamma PADI è gratuita e raccomandata.

Non perdere questa opportunità per incontrare i Membri PADI della tua zona e discutere di argomenti per i quali potresti aver bisogno di assistenza… o semplicemente goditi l’incontro con altri Professionisti del settore.

Quest’anno la grande novità è che all’interno dei Member Forum Regionali faremo una sessione totalmente dedicata ai PADI Divemaster, che avranno l’opportunità di ricevere importanti informazioni sulle varie opportunità di lavoro, e sulla prospettiva di continuare con la Carriera PADI Pro, avranno inoltre la possibilità di incontrare durante il social alla fine dei Member Forum i Course Director italiani e tanti proprietari di Centri PADI interessati al loro profilo professionale.

In alcuni Member Forum ci sarà anche la possibilità di partecipare gratuitamente nella stessa giornata ad interessanti Mini Seminar sui nuovi prodotti del 2018, e sulle revisioni in corso. La registrazione attraverso la pagina Mamma PADI ai Mini Seminar è raccomandata. Ecco la lista dei Mini Seminar:

– Adaptive Techniques;
– Corsi Freediver;
– Corsi TEC REC.

Ecco l’elenco dei Member Forum – Divemaster Day in Italia:

Member Forum – Divemaster Day – Trieste – 9 Aprile.

Member Forum – Divemaster Day – Verona – 10 Aprile.

Member Forum – Divemaster Day – Mini Seminar – Palermo – Sicilia – 4 Maggio.

Member Forum – Divemaster Day – Mini Seminar – Olbia – Sardegna – 15 Maggio.

Member Forum – Divemaster Day – Paderno Dugnano – Milano – 23 Maggio.

Member Forum – Divemaster Day – Livorno – 31 Maggio.

Member Forum – Divemaster Day – Mini Seminar – Roma – 9 Giugno.

Vi aspettiamo, vi ricordiamo che i Member Forum e i Mini Seminar daranno diritto ad un credito formativo per la prosecuzione della vostra Carriera PADI Pro, che questi eventi sono totalmente gratuiti ed riservati esclusivamente ai Membri PADI (Istruttori, Assistenti Istruttori e Divemaster). Anche se non siete rinnovati per il 2018 sarete i Benvenuti, sarà l’occasione per rivedersi e tornare a lavorare insieme nel 2018.

Per informazioni non esitate a contattarci:

Fabio Figurella – RM Sud Italia;

Massimo Zarafa – RM Nord Italia.

 

iXperience Tour 2018 – Italia.

Pronti a partire con l’iXperience Tour 2018 anche in Italia:

Aqua Lung uno dei brand più importanti dell’industria subacquea, ha deciso in occasione del suo 75° Anniversario di organizzare un Tour di eventi, in tutta Europa in collaborazione con PADI EMEA e DAN Europe.

Gli eventi organizzati in Centri PADI/AQUA LUNG hanno come obiettivo la possibilità per Professionisti e divers di testare i computer Aqua Lung, durante splendide immersioni organizzate dal Centro PADI;

Partecipare ai corsi di Specialità Nitrox sia a livello Professionale che ricreativo;

Sarà organizzato un Seminario “Business of Nitrox” aperto a tutti gli istruttori PADI a cura dei Regional Manager di PADI EMEA Massimo Zarafa e Fabio Figurella;

Infine ci sarà la possibilità di partecipare ad un laboratorio organizzato dal Team DAN Research, per effettuare lo scarico dei profili di immersione sulla piattaforma Dive Safety Guardian.

Eccovi la lista degli eventi in Italia:

iXperience Tour 2018 – Y-40 The Deep Joy – 14/15 Aprile – Montegrotto Terme (PD);

 

iXperience Tour 2018 – Lorenzo Sub – 9/10 Giugno – Fiumaretta (SP);

iXperience Tour 2018 – DNA Sub – 30 Giungo 1 Luglio – Senago (MI);

 

iXperience Tour 2018 – Aquarius Dive Center – 21/22 Luglio – San Teodoro Sardegna;

 

iXperience Tour 2018 – Pelagos Diving Center – 9/10 Ottobre – Lampedusa Sicilia.

 

Potrai cliccare sull’evento che ti interessa e registrarti attraverso la Community MAMMA PADI all’evento prendendo un ticket per ciascuno dei Seminari o corsi ai quali sei interessato. Potrai contattare direttamente i Centri PADI che organizzano l’evento per definire i dettagli logistici relativi alle attività dell’evento: immersioni, corsi, seminari etc…

Ti aspettiamo per questa eccitante avventura insieme ad Aqua Lung e DAN Europe.

Per maggiori informazioni non esitare a contattarci:

Fabio Figurella – Regional Manager Sud Italia;

Massimo Zarafa – Regional Manager Nord Italia.