L’arte di un buon briefing subacqueo

Thomas Fuller, un ecclesiastico del 1600, aveva un’inclinazione per i detti memorabili, come “Se comandi saggiamente, verrai obbedito gioiosamente”. Come PADI Divemaster, non comandi necessariamente gli altri, ma i tuoi consigli, indicazioni (ok… a volte anche gli ordini!) sono importanti per i subacquei di cui ti prendi cura.

Abbiamo parlato con Richard Somerset, PADI EMEA Instructor Examiner, per cercare di ottenere qualche suggerimento su come fare un buon briefing subacqueo.


“Ognuno ha il suo stile personale e molti di noi sviluppano il proprio grazie all’esperienza. Quando ero un Divemaster alle prime armi e mi trovavo di fronte a gruppi di subacquei numerosi, ero incredibilmente timido. Attingevo senza vergogna da quello che facevano i miei colleghi più esperti e scoprivo di diventare, piano piano, sempre più sicuro di me stesso. Col tempo, ho cominciato ad ascoltare i briefing delle guide più giovani nel centro e mi rendevo conto che cominciavano ad usare alcuni passaggi che i stesso usavo. Che faccia tutto parte del naturale sviluppo dell’arte un briefing subacqueo?”

Rich, secondo te cosa può aiutare i PADI Divemaster a fare un briefing subacqueo veramente efficace?

Siate precisi. So che sembra ovvio, ma vale la pena di ricordare che se non si fa un briefing corretto, tutto il resto è inutile. Non cercate di improvvisare. Un buon punto di partenza, per essere sicuri di fare un briefing completo e preciso, è di ripassare il vostro materiale Divemaster, specialmente le lavagnette. Nella subacquea, a volte, ci sono variabili che non possiamo prevedere: se non sapete in che direzione va la corrente, avete due opzioni: o lo scoprite in anticipo, oppure siate onesti e assicuratevi che, una volta in acqua, i vostri subacquei sappiano come reagire alle condizioni che troveranno.

Usate riferimenti visivi. Uno dei migliori briefing che abbia visto è stato quello di un Divemaster Egiziano che, con alcuni asciugamani, aveva creato un modello a tre dimensioni del sito di immersione. Lo so che non tutti sono così creativi, ma utilizzare un qualche tipo di riferimento visivo è molto utile. Molte guide subacquee, ad esempio, utilizzano lavagne bianche, perché sono resistenti, economiche e non temono l’acqua.

Siate chiari. Spesso ci troviamo di fronte a subacquei che parlano diverse lingue. Il mio difetto principale, durante i miei briefing subacquei, era di parlare troppo velocemente. Me ne sono reso conto quando un mio collega, che lo stava traducendo ad una parte del gruppo, me l’ha fatto notare. Ci vuole uno sforzo cosciente per rallentare e ricordarsi di parlare ad una velocità normale, a volte anche più lentamente.

Rilassatevi. Di solito, siamo molto più severi verso noi stessi di quello che lo sono gli altri. Non preoccupatevi quando fate il vostro briefing; se fate delle pause o farfugliate ogni tanto, i vostri subacquei non se ne accorgeranno o non ci faranno caso.

Quindi, se ti trovi in difficoltà con i tuoi briefing, prova a usare uno o più di questi suggerimenti: rimarrai piacevolmente sorpreso dal risultato!

Puoi ordinare nuovamente le Divemaster Dive Briefing Slates (prodotto numero I60207) contattando il Sales Department di PADI EMEA all’indirizzo: [email protected]

 

This post is also available in: en ar nl fr de pl ru es